giovedì 3 marzo 2016

L' incoerenza della politica italiana.

Unioni gay.
Ancora un volta l' Italia dimostra di essere indietro.
Indietro riguardo a libertà e diritti perché di questo si tratta .L’ Italia è un Paese che è rimasto bloccato per colpa della sua etica, (dei suoi ladri, anche), un Paese che è pian piano è regredito anziché progredire. Il governo è bloccato nel buon costume, nella forma. No, affittare l’ utero non è naturale, no adottare un bambino con due padri non è naturale. Ma mi dite che diavolo c’è di naturale nelle vostre famiglie  tradizionali, dove il padre va a puttane e la madre si riempie di botulino per non sapere?  E i figli? I figli sono il prodotto di queste trasformazioni sociali: bulli, autolesionisti, disoccupati, drogati.
 Quando si arresta un processo naturale è come intervenire sull’ ecosistema, sballa tutto.
L’ amore dovrebbe essere il principio unificatore di partenza, aldilà della morale. D’ altra parte Virgilio, Dante e tutti i più grandi poeti italiani hanno da sempre cercato si esprimere questo: che sta nella purezza di un sentimento il concetto di famiglia. La biologia e legislazione e tanto meno la politica centrano nulla con questo. Ma come biasimare una classe politica che è conosciuta in tutto il mondo per i festini ad Arcore e le baby squillo (minorenni tra l'altro), dov’era la vostra etica lì? Mentre approfittavate di alcune minorenni straniere e non, consenzienti o meno? Cosa volete fare? Proibire l’ adozione ai gay per cercare disperatamente di salvare il briciolo di apparenza di Paese tradizionale che vi è rimasto?
Svegliamoci, è tempo.

Grazia Barnaba.

Nessun commento:

Posta un commento